5 consigli per abbinare arredamento classico e moderno

Pubblicato da: Francesco Renzelli In: Consigli per arredare In data: lunedì, settembre 11, 2017 Commento: 0 Colpire: 115

Quando si arreda casa è necessario lavorare su un equilibrio sottilissimo, un filo teso che collega l'eccesso alla omologazione.

In effetti, se da un lato si rischia di esagerare, creando un arredamento bizzarro, dall'altro si può incappare nell'effetto catalogo, riproducendo ciò che ci è stato proposto da un consulente all'interno di uno store.

Per aggirare l'ostacolo, è possibile abbinare stili diversi, cercando di seguire, però, una linea comune molto chiara.

Uno degli abbinamenti più diffusi nelle case italiane, per cultura, tradizione e, anche, per disponibilità di prodotti sul mercato, è quello tra mobili classici e moderni.

Vediamo insieme 5 idee per arredare casa fondendo questi due stili di arredamento, molto distanti tra loro eppure così complementari.  

1)   Oggetti vintage in un ambiente moderno

L'arredamento moderno è caratterizzato da linee essenziali, materiali resistenti e soluzioni estetiche molto semplici, ma scegliendo prodotti in legno, ad esempio ciliegio o noce, si può ridurre l'effetto asettico di questo stile.

Mobili così rifiniti si abbinano alla perfezione con oggetti di antiquariato, vintage, magari ereditati in famiglia oppure acquistati in un mercatino.

Questi oggetti, accessori e complementi d'arredo rappresentano un valore aggiunto nella casa, grazie al loro valore sia estetico che simbolico, rendendo così l'intero arredamento più vissuto e meno sterile.

2) Quadri moderni in un soggiorno classico

Un elemento d'arredo che trascende lo stile del mobilio è, senza dubbio, il quadro.

In un soggiorno classico, stanza solitamente destinata ad accogliere gli ospiti, siamo soliti inserire dei quadri, magari anche di valore, per conferire maggior prestigio all’ambiente.

Invece di optare, però, per le classiche cornici in legno intagliate, oppure quelle dorate dal vago sapore barocco, si può appendere alla parete una tela moderna, priva di cornice, concettuale, distante dai panorami e dalle nature morte solitamente adottate in case arredate in stile classico.

Quadri di grandi dimensioni di questo tipo, in effetti, riusciranno a contrastare con i mobili, allontanando l'effetto museo.

3) Metallo, vetro e legno, mix perfetto

Solitamente l’arredamento classico vede il predominio del legno e dei tessuti pesanti, come il velluto, mentre nell’arredamento moderno siamo più abituati all’utilizzo di altri materiali, come il vetro e il metallo, così come la plastica. 

Un modo per far convivere lo stile moderno e quello classico, quindi, è mischiare, in modo oculato, questi tre elementi, il legno, il metallo e il vetro. 

Ad esempio, è possibile inserire un tavolino da caffè in soggiorno con ripiano in vetro, oppure abbinare alla tavola della sala da pranzo delle sedie con seduta in legno e gambe in acciaio. 

4) Lampade da terra e lampadari

Un elemento che consente di osare un po’ di più in casa è rappresentato dai punti luce artificiale, quindi dalle lampade e dai lampadari.

Nell’arredamento classico si tende ad utilizzare dei lampadari sospesi molto vistosi, con cristalli e struttura in bronzo o in ottone, mentre in quello moderno si prediligono soluzioni più sobrie, meno vistose. 

Un buon sistema per spezzare la monotonia di una casa arredata in modo univoco, rispettando solo uno stile, è quello di utilizzare dei lampadari moderni in ambienti classici. 

A dare una mano concorrono anche le lampade da terra, quelle che solitamente utilizziamo nel salotto, magari in un punto destinato alla lettura, al lavoro o allo studio. 

In questi casi, potremmo agire in senso opposto a quello indicato, ovvero utilizzare una lampada da terra classica, in ferro battuto anticato oppure dotata di paralume, che ben si adattano ad un arredamento moderno. 

5) Divani e poltrone

L’ultimo consiglio che intendiamo fornire in questo articolo è scegliere con cura i divani e le poltrone, cercando di fondere gli stili in modo coerente.  

Ad esempio, potremmo puntare su un divano in pelle classico in un ambiente moderno, mentre in una stanza arredata in stile classico inserire un divano in tessuto chiaro, magari dotato di chaise-longue.  

Nel soggiorno, oppure nello studio, arredato con mobili classici, potremmo sfruttare l’effetto sorpresa inserendo una poltrona colorata, come le bellissime poltrone patchwork. 

Un oggetto del genere riuscirà, senza alcun dubbio, ad attirare l’attenzione degli ospiti, creando un effetto visivo davvero unico. 

Abbinare mobili classici e moderni è molto meno complesso di quello che crediamo, anche perché sono due stili che presentano non pochi elementi in comune. Bisogna solo individuarli, e sfruttarli per il meglio.

Commenti

Lascia il tuo commento